Critiche alla Shared Value

L’approccio identificato da Porter e Kramer non è stato scevro di critiche da parte del mondo accademico e professionale.

Uno dei primi contributi che hanno alimentato il dibattito è apparso sulla rubrica Schumpeter dell'Economist (2011) dedicata ai temi del business, finance e management. Nella rubirca, l’idea di valore condiviso viene descritta come un po’ superficiale laddove descrive il mondo del capitalismo e del business come qualcosa che non ha mai generato un impatto a livello sociale.

Inoltre, un altro commento di (Beschorner, 2013) richiama come il concetto di Shared Value non sia una così radicale divergenza dalla dottrina di pensiero del management è che sia molto semplicistico.

Recentemente, Crane et al. (2014) fanno notare come la pratica della Shared Value fosse già stata applicata e criticata per l’approccio naif e per la concezione superficiale del ruolo sociale che possono avere le organizzazioni profit.

Al di là delle critiche, si deve riconoscere l'abilità di Porter nel diffondere questo concetto all’interno del mondo aziendale e professionale, il significato importante della connessione fra strategia e obbiettivo comune, sistematizzando le pratiche legate alla CSR (corporate social responsibility), a volte, disconnesse dal modo di pensare quotidiano dei managers.

 

 

Beschorner, T. 2013. Creating Shared Value: The One-Trick Pony Approach. Business Ethics Journal Review, 1(17): 106–112.

http://bejreview.files.wordpress.com/2013/09/bejrv1n17beschorner.pdf

Crane, A., Palazzo G., Spence L . J. and Matten, D. (2014). Contesting the Value of the Shared Value Concept. California Management Review, vol 56/2, Winter 2014, Forthcoming.

http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2368387

Economist (Schumpeter). (2011). Oh, Mr Porter. The New big idea from business's greatest living guru seems a bit undercooked, The Economist, 12th March, 2011.

http://www.economist.com/node/18330445